AUTO E ARTE: IL PARABREZZA DI RECUPERO DIVENTA SPAZIO PITTORICO

Il parabrezza di automobili e di Vespa diventano lo spazio pittorico su cui prende vita l’arte di Guido Palmero. Una tecnica molto raffinata e un supporto decisamente originale sono gli ingredienti della rassegna Art al parabrise, allestita alla Mirafiori Galerie di Torino da giovedì 26 gennaio a domenica 26 febbraio 2017. Le opere sono originalissimi ritratti retrodipinti con colori acrilici su parabrezza, lunotti posteriori o finestrini laterali di auto: una tecnica personale che Guido Palmero da anni ha ideato, sviluppato e progressivamente arricchito e affinato.

728x90blu_newcta

Espressione di un’invenzione artistica sicuramente evocativa, le figure ritratte sono raffigurate all’interno dello spazio chiuso e circoscritto di un’automobile, o in sella alle Vespa, e spaziano dal nostro quotidiano (come i ritratti familiari), alla storia dell’arte (sorprendente la Simonetta Vespucci – Venere di Botticelli – seduta accanto a un ritratto di Raffaello), dal mondo dello sport (straordinari i cinque numeri 10 della Juventus da Omar Sivori a Paul Pogba), a quello del fumetto e dei supereroi, a personaggi simbolo dei nostri tempi, come Papa Francesco ripreso di schiena. La scelta accurata dei soggetti, unita alla grande capacità tecnico-pittorica, crea un mix raffinato e accattivante, tra pop art e sapienza artigianale, che non ha eguali nel panorama artistico contemporaneo.

“Il pennello è il mio obiettivo” afferma Guido Palmero e il risultato del suo lavoro ha davvero più di un punto di contatto con la realtà della fotografia, come quando, guardando certi scatti, ci si sente osservati a nostra volta in un gioco di sguardi e di prospettive che coinvolge ed emoziona.

Biografia dell’artista
Guido Palmero è nato a Saluzzo (Cuneo) nel 1952 dove vive e lavora. Docente di Arte e Immagine, da sempre è interessato all’arte in tutte le sue declinazioni – arti figurative, design, architettura d’interni e restauro pittorico – ma decide di specializzarsi nelle pratiche pittoriche. Negli ultimi dieci anni, la sua ricerca espressiva, con il linguaggio visivo, lo porta a sviluppare uno stile artistico nuovo e originale, dipingendo su vetro e plexiglass. Si tratta di parabrezza di automobili e di Vespa, che Palmero recupera alla vigilia della loro demolizione e dipinge poi sul retro.

Negli anni recenti ha partecipato a mostre personali e collettive in Italia, Francia, Macedonia, Marocco e Portogallo. Sue opere sono presenti in collezioni private in Italia, Corea, Francia, Grecia, India, Inghilterra, Libano, USA e Svizzera. Le sue opere sono in mostra permanente presso la Galerie Ferrero in Francia, a Nizza (2, rue de Congrès) e presso la galleria Colossi Arte Contemporanea di Brescia.

bannerino promo blog

Annunci

LIQUIDO LAVAVETRI AUTO E SISTEMA TERGICRISTALLI

Il parabrezza anteriore e il lunotto posteriore necessitano di una pulizia regolare. Macchie e aloni, infatti, possono compromettere la visuale quando siamo alla guida. La modalità più comoda per mantenere limpidi i vetri è l’utilizzo del liquido tergicristalli attraverso il sistema di spruzzamento che si aziona tramite una delle leve poste a fianco del volante. Un meccanismo molto utile che funziona al meglio quando viene accompagnato da una corretta manutenzione e pulizia delle spazzole tergicristalli.

728x90blu_newcta

Ma se un giorno, azionando il comando non uscisse niente? Vorrà dire che sarà finito il liquido lavavetri? Se questo accade per la prima volta nella vostra auto, occorrerà innanzitutto individuare la vaschetta che contiene il liquido lavavetri. Una volta localizzato il serbatoio, occorrerà riempirlo. Tuttavia, sarà meglio scegliere un prodotto specifico e non una soluzione casalinga. In commercio si trovano diversi prodotti che, oltre a garantire la pulizia del sistema, resistono alle basse temperature, evitando così il congelamento del liquido durante la stagione invernale.

bannerino promo blog

E se una volta riempita la vaschetta del liquido tergicristalli non dovesse uscire nulla dagli spruzzatori? Vuol dire che non è semplicemente finito il liquido. Il problema potrebbe derivare dall’ostruzione di una delle parti che compongono il sistema, ad esempio gli ugelli. In questo caso è possibile tentare di liberare l’intasamento con l’utilizzo dell’aria compressa. Nella maggior parte dei casi questo dovrebbe liberare gli ugelli. Nel caso ciò non dovesse avvenire, il problema potrebbe essere di altro tipo e riguardare il sistema di tubazioni che trasportano il liquido tergicristalli. Anche in questo caso non conviene cimentarsi con le riparazioni fai da te. Meglio rivolgersi ad un professionista: andando sul portale RiparAutOnline potrete ottenere diversi preventivi per la vostra richiesta e scegliere la migliore offerta anche sulla base dei giudizi degli altri utenti che hanno già utilizzato il servizio.

tasto