AUTO E VELOCITÀ: COME FUNZIONA IL TUTOR

Anche i sistemi di rilevamento della velocità si sono evoluti. Una delle novità degli ultimi anni è il Tutor. A differenza del classico autovelox, il Tutor è un sistema per il rilevamento della velocità media ed è stato installato lungo tratte autostradali di lunghezza variabile, indicativamente tra 10 e 25 Km.

In che modo funziona? Come spiega Autostrade per l’Italia, il sistema, attraverso l’installazione di sensori e portali con telecamere, monitora tutto il traffico e ne registra gli orari di passaggio sotto i portali posti all’inizio ed alla fine della tratta controllata. In questo modo è possibile calcolare la velocità media in base al tempo di percorrenza. Il sistema, inoltre, è in grado di funzionare in qualsiasi condizione atmosferica e di illuminazione (di notte, con pioggia, in presenza di nebbia con visibilità fino a 30/40 metri).

728x90blu_newcta

Il sistema è completamente automatico. Tutor riconosce la classe del veicolo in relazione ai diversi limiti di velocità stabiliti dal Codice e, una volta riscontrata la violazione e previa convalida dell’agente di Polizia, interroga gli archivi della Motorizzazione per risalire all’intestatario, compila e stampa il verbale per la firma in originale e, contestualmente, inoltra in via informatica i dati al centro di elaborazione e stampa di Poste Italiane per la procedura di notifica al trasgressore.

Il sistema è stato sviluppato da Autostrade per l’Italia e gestito dalla Polizia Stradale, che, per legge, è l’unico soggetto titolato all’uso del sistema per la rilevazione e il sanzionamento delle infrazioni accertate. A caratterizzare il progetto, tuttavia, non c’è solamente l’aspetto sanzionatorio. Il Tutor vuole punire l’eccesso di velocità come comportamento abituale di guida e non come eccezionalità. L’obiettivo è quello di ridurre il tasso di incidentalità. “Le aree d’installazione del sistema sono state individuate in base al numero di incidenti e lo scopo è quello preventivo, per creare un deterrente contro le velocità più elevate. La velocità – ricorda infine la Polizia di Stato – è infatti la causa di oltre il 60 per cento degli incidenti mortali sulla rete autostradale. Il sistema individua e punisce chi, spingendo sull’acceleratore per lunghi tratti, mette a repentaglio la vita degli altri”.

bannerino promo blog

Annunci