Favorisca tampone e libretto!

Favorisca tampone e libretto!

…come scusi?

Forse non ci crederete, ma questa potrebbe essere la vostra prossima conversazione con un poliziotto nel caso foste fermati per un controllo di routine mentre vi trovate alla guida di un’auto.

Spieghiamo meglio…

Prende il via un esperimento che ha come protagonisti Polizia di Stato, medici e personale di ruolo sanitario e che coinvolgerà una ventina di città sparse per l’Italia: a partire dal mese di giugno, infatti, agli agenti della stradale verrà affiancato personale medico-sanitario con il compito di effettuare droga-test ai conducenti in viaggio.

In pratica, le persone fermate potranno essere sottoposti in loco al prelievo della saliva per quello che viene definito un “controllo preliminare”. Sarà così possibile verificare l’eventuale presenza di particolari sostanze nella saliva, dette “precursori”, e quali possono indicare una precedente assunzione di stupefacenti da parte del soggetto in esame; in caso di riscontro positivo sarà responsabilità dei medici presenti procedere a un ulteriore prelievo che dovrà essere analizzato in un secondo momento dai laboratori di tossicologia forense della Polizia di Stato.

Insomma, oltre al palloncino ora c’è anche il tampone…

Il perché di una tale iniziativa è semplice: non esistono, per adesso, dati concreti che possano favorire una stima sui casi di “guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti”. E i numeri parlano chiaro…1milione e 600mila controlli con etilometri e precursori nel 2014 di cui 27mila “guida in stato di ebbrezza” e 2mila sotto l’effetto di droga; dall’inizio dell’anno corrente, poi, i controlli sono stati circa 500mila di cui solo 552 i riscontri per droga contro gli 8mila per alcol. Il problema è che le proporzioni finora analizzate non manifestano necessariamente la realtà, giacché è sempre stato difficile permettere il riscontro dell’abuso di droghe senza un esame specifico durante i controlli di routine degli agenti di Polizia.

Il motivo?

Capire come effettuare accertamenti (…a prova di ricorso) che richiederebbero l’intervento di personale medico, senza personale medico

…problema risolto…

A fornire gli agenti e i sanitari dei kit diagnostici portatili (…per intenderci, il tampone…) è stata la Fondazione Ania, per la Sicurezza Stradale la quale – come si legge chiaramente sul sito di riferimento – “è una onlus costituita nel 2004 dalle Compagnie di Assicurazione per contrastare il grave problema degli incidenti stradali attraverso progetti ed iniziative volti a ridurre l’incidentalità e a salvare vite umane.

L’esperimento avrà durata trimestrale: ad agosto si tireranno le somme e si deciderà se estendere il tutto su scala nazionale con proroga triennale.

Tutto chiaro?

Sì, ma manca la cosa più importante!

Tranquilli, niente paura…ecco l’elenco delle città: Novara, Bergamo, Brescia, Padova, Verona, Trieste, Savona, Bologna, Forlì Cesena, Ancona, Ascoli Piceno, Perugia, Roma, Pescara, Teramo, Napoli, Bari, Messina e Cagliari.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...